Regione Autonoma della Sardegna
Assessorato dell'Igiene Sanità e dell'Assistenza Sociale

      Oggetto: Integrazione nota n 6017 del 12/2/03 " Linee di indirizzo regionali per la dispensazione diretta dei farmaci antipsicotici atipici a base di: clozapina, olanzapina, risperidone e quetiapina".

Ai Direttori Generali
delle Aziende USL della Regione

e, p.c. Ai Presidenti
delle Associazioni provinciali
di titolari di farmacia.
Ai Presidenti
degli Ordini dei Medici e dei Farmacisti.
Ai Sindacati
dei Medici convenzionati e dipendenti.

LORO SEDI


Di seguito alla nota relativa all'oggetto, ed in relazione a richieste di chiarimenti ed integrazioni inoltrate da parte di operatori ed associazioni di malati si forniscono le indicazioni che seguono.

Centri di riferimento autorizzati al rilascio del Piano Terapeutico.

Ad integrazione dei Centri Regionali di riferimento già individuati con la nota N. 6017 del 12/2/03 si autorizzano anche gli specialisti psichiatri, neurologi, neuropsichiatrici e neuropsichiatrici infantili operanti presso i presidi ospedalieri e territoriali pubblici. Eventuali richieste, adeguatamente motivate, di inserimento di altri Centri di riferimento dovranno essere inoltrate, dal Direttore Generale della Azienda USL di competenza, a questo Assessorato.

Trattamento dei disturbi non cognitivi dei pazienti dementi.

Il Ministero della Salute con la nota N. 800 /DG/2169/A4 del 19 Dicembre 2001, ha fornito le indicazioni per il rilascio del Piano Terapeutico e per l'impiego degli antipsicotici atipici da parte delle UVA (Unità di Valutazione Alzheimer) per il "trattamento dei disturbi non cognitivi dei pazienti dementi".
Al fine di evitare disservizi ai pazienti aventi diritto si ritiene di dover autorizzare a rilasciare Piani Terapeutici "per il trattamento dei disturbi non cognitivi dei pazienti dementi", anche gli specialisti psichiatri, neurologi e neuropsichiatrici operanti nei presidi ospedalieri e territoriali pubblici. In tale ipotesi, gli stessi specialisti, per operare coerentemente con le succitate indicazioni Ministeriali e per garantire una continuità assistenziale integrata, sono tenuti a raccordarsi con le UVA competenti per territorio.

Indicazioni terapeutiche

L'attuale normativa prevede che i medicinali devono essere utilizzati solo per le indicazioni approvate dal Ministero della Salute e riportate nel decreto di autorizzazione all'immissione in commercio. Al riguardo si rimanda alla nota di questo Assessorato no 38503/5 del 17/10/03 con la quale sono state richiamate le norme sulla prescrizione di farmaci per indicazioni diverse da quelle autorizzate.

Distribuzione diretta

Le disposizioni impartite da questo Assessorato con la citata nota N. 6017 del 12/2/03, non escludono la possibilità che, sulla base del Piano Terapeutico rilasciato dai centri autorizzati, il paziente possa fruire delle prescrizione su ricetta SSN rilasciata dal proprio medico di famiglia e ritirare il farmaco nelle farmacie convenzionate.

Lo scrivente si rende disponibile per fornire eventuali ulteriori indicazioni che si rendessero necessarie.

Il Direttore del 5 Servizio
Dott.ssa Caterina Corte



  
Dispensazione diretta farmaci

Indietro                                                    Avanti